AMBIENTE - nessunoescluso

AMBIENTE

SI, SI, SI, SI: AL VOTO, AL VOTO

SI, SI, SI, SI: AL VOTO, AL VOTO


Siamo al rush finale della campagna a sostegno dei quattro referendum: anche gli indecisi sembra inizino a prendere posizione verso un sostegno più deciso ai referendum. Persino il Papa, nel suo discorso agli ambasciatori stranieri, ha "adombrato" le ragioni che sostengono i referendari.....
Molti sono i contributi, anche dell'ultima ora: vorremmo proporvi una riflessione più ragionata sul tema "beni comuni" di Riccardo Petrella. Buona lettura

PERCHE' BISOGNA SOSTENERE I REFERENDUM

PERCHE' BISOGNA SOSTENERE I REFERENDUM


Anche ieri, con la fiducia sul decreto omnibus in Parlamento, è stata tesa una trappola alle consultazioni referendarie, nello specifico su quella sul nucleare. Ma è ovvio che l'obiettivo è far saltare il quorum su tutti.
Dobbiamo mantenere alta la mobilitazione.
Intanto, sono utili due riflessioni, tratte da Carta
il percorso di "petrolizzazione" dell'acqua
il tentativo di privatizzazione del sole
Buona lettura......

CAMUSSO: NESSUNA INDICAZIONE DI VOTO PER IL REFERE...

CAMUSSO: NESSUNA INDICAZIONE DI VOTO PER IL REFERENDUM SUL NUCLEARE

La Cgil non condivide il piano per il nucleare presentato dal Governo, ma non darà indicazioni di voto per il referendum sull'argomento promosso dall'Idv 
continua

NO AL NUCLEARE

NO AL NUCLEARE

Petizione Perché votare SI al referendum contro il programma nucleare del Governo Berlusconi chiediamo alla Cgil di sostenere la compagna referendaria

FIRMA L'APPELLO
QUANDO FONDE IL NUCLEO DEL REATTORE

QUANDO FONDE IL NUCLEO DEL REATTORE

Il livello dell’incidente è gravissimo, per ora al 6 (su 7 della scala INES) e ormai si differenzia da Cernobyl per l’assenza del gigante incendio della grafite (l’impianto di Fukushima non è a grafite) che causò la gigantesca nube di fumo radioattivo che si sparse in Europa nel 1986. continua

Contributo scientifico di Pier Luigi Adami,
Comitato scientifico "Vota SI per fermare il nucleare"

ACQUA, UN BENE COMUNE.

ACQUA, UN BENE COMUNE.

Dopo l'ammissione da parte della Corte Costituzionale, dei due referendum promossi dal Movimento per la difesa dell'acqua pubblica,
una buona notizia arriva da Berlino, dove un referendum ha sancito che l'acqua deve essere gestita pubblicamente.
Molte capitali europee si stanno positivamente orientando alla gestione pubblica dell'acqua.....
ed in Itali? si tenta di far slittare al periodo estivo l'effettuazione dei referendum.
Per questo, il Movimento ha promosso un appello che chiede di unificare la consultazione referendaria a quella delle elezioni amministrative
dal sito www.acquabenecomune.org

il documento sull'acqua e sui servizi pubblici approvato dal Comitato Direttivo della Funzione Pubblica CGIL


SABATO 26 MARZO 2011 
MIGLIAIA IN PIAZZA PER DIFENDERE I "BENI PUBBLICI":
L'ACQUA, LA PACE, I DIRITTI, LA SICUREZZA 
  vai alle foto della manifestazione 




riflessioni dalla piazza di Franca Peroni 
una intervista a 
Emilio Molinari: Acqua Bene Comune, l'ultima battaglia




una buona notizia arriva daBerlino, dove un referendum ha sancito che l'acqua deve essere gestita 
pubblicamente.


 



il Movimento ha promosso un appello che chiede di unificare la consultazione referendaria a quella delle elezioni amministrative
dal sito www.acquabenecomune.org

 
 


  

EMERGENZA RIFIUTI CAMPANIA.....ma non era finita?




  I perchè di un disastro di Guido Viale 

 

UN'ALTRA ECONOMIA E' POSSIBILE?

UN'ALTRA ECONOMIA E' POSSIBILE?

In una fase di crisi come quella attuale, con una forte restrizione dei consumi, succede che passino in secondo piano i comportamenti "amici" dell'ambiente. Cosa consumo, come consumo, quali attenzioni alla filiera dei prodotti, vengono talvolta sacrificati sull'altare del "costo finale" del prodotto che acquistiamo.
Ma è possibile coniugare difesa dell'ambiente, prodotti "certificati" sul versante ambientale e sociale (difesa dei diritti di chi li produce) e bilancio familiare.
Vorremmo qui iniziare a proporre riflessioni sul "un altro modo di produrre" e su un "altro modo di consumare" segnalando contributi, esperienze, siti

E se si affidassimo all'HPI (Happy Planet Index-indice pianeta felice)? una riflessione tratta da Sloweb

Prodotto Interno Lordo o Benessere Interno Lordo? una riflessione sui "costi ambientali" di Roberto Presenti 

Benessere e sostenibilità: una intessante iniziativa, con documenti, di Sbilanciamoci

La libertà di consumare ed il suo limite di Pietro Raitano
 

Contro la crisi del settore, un manipolo di calzaturifici artigiani delle Marche scopre l’economia solidale e la sostenibilità: il progetto Ecomarchebio  da Altreconomia


Porta la sporta: dopo l'addio alle buste in plastica nei supermercati, come ci comportiamo?
da Altraeconomia
 
 

PRODOTTO INTERNO LORDO O BENESSERE INTERNO LORDO?

PRODOTTO INTERNO LORDO O BENESSERE INTERNO LORDO?

I disastri ambientali prodotti per mano dell'uomo compongono una lista infinita.......
Molto si è discusso della "compatibilità" fra sviluppo e salvaguardia dell'ambiente ma, aldilà di buoni propositi, le scelte tardano ancora a venire.
Apriamo una riflessione in questo periodo di crisi, poichè le "scorciatoie" sull'ambiente potrebbero avverarsi, con con un contributo di Roberto Presenti
EMERGENZA RIFIUTI NAPOLI: MA NON ERA FINITA?

EMERGENZA RIFIUTI NAPOLI: MA NON ERA FINITA?

UNA TRAGEDIA CHE SI DOVEVA EVITARE

UNA TRAGEDIA CHE SI DOVEVA EVITARE

Un treno, 14 vagoni, 5 nazioni, 6 società. Questa la composizione del convoglio che ha seminato distruzione,terrore e morte nella città di Viareggio.
Ed ora assistiamo all'indecoroso scarico di responsabilità.
Come porre fine a questa lunga e prevedibilissima sequela di tragedie annunciate?
una scheda de il manifesto                    vai all'articolo

una riflessione di Franca Peroni           vai all'articolo
USCIRE DALLA CRISI SI PUO' CONIUGANDO AMBIENTE E L...

USCIRE DALLA CRISI SI PUO' CONIUGANDO AMBIENTE E LAVORO

dopo l'annuncio nella conferenza stampa del 5 febbraio u.s., ecco il "piano di intervento" di CGIL e Legambiente per uscire dalla crisi, affrontando la sfida climatica e sostenendo il lavoro.
Una proposta articolata per settori di intervento, l'individuazione delle risorse, il ruolo pubblico, le alleanze strategiche ed inedite per affrontare la crisi.

vai agli allegati
PER USCIRE DALLA CRISI CON UN OCCHIO ALL'AMBIENTE

PER USCIRE DALLA CRISI CON UN OCCHIO ALL'AMBIENTE

Per combattere la recessione, creare lavoro, vincere la sfida climatica, una proposta da Legambiente e Cgil .
Il documento è stato presentato a Roma il 5 febbraio 2009

leggi il commento   a cura di Franca Peroni

vai al documento

I SINDACI IN CAMPO NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIM...

I SINDACI IN CAMPO NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI

Importanti iniziative di città italiane per il rispetto del protocollo di kyoto
a cura di Franca Peroni

vai all'articolo

per saperne di più il documento

LA NUOVA DIRETTIVA EUROPEA SUI RIFIUTI

LA NUOVA DIRETTIVA EUROPEA SUI RIFIUTI

Nuove regole per i rifiuti definite dalla direttiva europea
di Massimo Cenciotti

vai all'articolo

per saperne di più

VIGILI DEL FUOCO A GUARDIA DELLA "MONNEZZA"

VIGILI DEL FUOCO A GUARDIA DELLA "MONNEZZA"

Ci si chiede per quale motivo si riducono i Vigile per le attività operative per destinarla alla vigilanza ai siti di stoccaggio dei rifiuti e degli inceneritori. E al Corpo nazionale Vigili del fuoco mancano di 15.000 unità

di Franco Moretti

vai all'articolo

ROVISTANDO FRA I RIFIUTI......

ROVISTANDO FRA I RIFIUTI......

Fra emergenze e quotidianità, notizie dal fronte "rifiuti".....
vai all'articolo

DENUNCIATI PER AVER DENUNCIATO

DENUNCIATI PER AVER DENUNCIATO

La storia non è molto originale:  chi inquina ha anche i soldi per intimidire
due docenti universitari veneti denunciati dalle aziende segnalate come inquinatrici

vai all'articolo
DIVIDI per SOPRAVVIVERE

DIVIDI per SOPRAVVIVERE

alcuni consigli per riciclare i rifiuti....

vai all'articolo
 

NUCLEARE: PERICOLOSO E COSTOSO



L'accordo siglato da Berlusconi con il presidente francese Sarkozy per la costruzioniedi 4 centrali nucleari in Italia riapre una vecchia ferita.
Il nucleare era stato cancellato da un referendum: una inutile provocazione della destra che investe su tecnologie vecchie ed obsolete. Ma "il medioevo" berlusconiano si conferma anche in campo scientifico ed energetico.
Proponiamo due articoli di Alfiero Grandi del comitato contro il nucleare e l'editoriale del manifesto.

vai all'articolo       Alfiero Grandi
vai all'articolo       il manifesto